Viaggio in America Latina : 15 meraviglie da vedere assolutamente


migliori destinazioni Sud America


Giungle infinite di un verde intensissimo, ghiacciai da cui si staccano blocchi di ghiaccio delle dimensioni di un palazzo, templi di antiche civiltà che si innalzano verso il cielo seminascosti dalla fitta giungla ... in America Latina ci sono meraviglie di indiscutibile bellezza da vedere almeno una volta nella vita.


E se stai già pensando ad un viaggio in questo contintente ricco di fascino, preparati leggendo i migliori libri sull' America Latina, ti aiuteranno ad vivere quest'esperienza al meglio



1- Il più grande spazio verde del pianeta: la foresta pluviale amazzonica


Viaggio america latina amazzonia

Distribuita in nove paesi, con una superficie copre circa il 40% del continente, la foresta pluviale amazzonica è lo spazio verde più grande del mondo. Con più di 7 milioni di chilometri quadrati, il bacino amazzonico ha anche la più grande collezione di fauna e flora terrestre, una biodiversità sorprendente che rende difficile la comprensione e l'esplorazione.


Nonostante il turismo abbia raggiunto i luoghi più remoti del pianeta, l'Amazzonia è ancora un luogo ottimale per vivere una grande avventura, anche se sempre più con più servizi, il che toglie un po' di romanticismo.


Puoi camminare attraverso la fitta foresta, visitare villaggi indigeni, sorvolare enormi distese verdi e corsi d'acqua tortuosi, navigare lentamente tra i villaggi lungo il fiume o rilassarti in un lodge nel mezzo della giungla dopo una giornata di osservazione della fauna selvatica.

I nove paesi che condividono l'Amazzonia hanno diversi punti di accesso per esplorare questo grande polmone verde: Leticia (Colombia), Iquitos e Puerto Maldonado (Perù) e Manaus (Brasile), sono i principali, ma non dobbiamo dimenticare che condividono anche questo immenso territorio con Venezuela, Bolivia, Ecuador, Guyana, Suriname e Guyana francese.


Ovunque tu vada, c'è qualcosa in comune in ogni esperienza amazzonica: quando entri, ti disconnetti completamente dal mondo moderno. I fiumi diventano strade;le scimmie, compagni di viaggio; e la cacofonia del canto degli uccelli è la sveglia del mattino. Gli insetti fanno parte del paesaggio, il tempo è irregolare e l'aria si fa densa e avvolge completamente il visitatore. Ma questo fa parte della bellezza di lanciarsi nell'avventura di entrare in Amazzonia.


Tre parchi nazionali al confine andino competono per essere l'area protetta con la maggiore biodiversità al mondo. Nessuno sa con certezza chi di loro detenga quel titolo, ma la realtà è che qui la natura non ha confini.


Che si arrivi dal Parco Nazionale Madidi in Bolivia, o dal Parco Amazzonico della Guiana nella Guyana francese, o da uno degli innumerevoli ingressi intermedi, l'esperienza nella giungla più grande del mondo non lascia nessuno indifferente. È un viaggio che segna una vita.


2- Un immenso deserto di sale: il Salar de Uyuni (Bolivia)


Viaggio Sud America Salr de Uyuni Bolivia

La miniera di sale più alta del mondo (a 3.653 metri di altitudine), e anche la più grande (12.106 chilometri quadrati), si trova nell'antiplano andino, nell'estremo sud-ovest della Bolivia. A prima vista, il Salar de Uyuni è un luogo desolato, con un freddo così intenso da far gelare le ossa, ma l'esperienza è indimenticabile.


In questo paesaggio che sembra di un altro mondo, puoi andare solo in jeep. Un'escursione di tre o quattro giorni permette di avvicinarsi nella sua interezza e di rendersi conto della sua nudità e della sua perfezione cristallina, che lasciano stupito chi viene qui, con un senso di soggezione permanente. Inizia il tuo tour al mattino presto, tra giardini rocciosi, campi di geyser e sorgenti termali.


Il cimitero dei treni, le saline di Cochani e l'hotel del sale, e la spettacolare isola di Incahuasi (meglio conosciuta come Fish Island), nel cuore di questo deserto bianco, sono alcune delle sue visite essenziali. Camminare a quell'altitudine, con poco ossigeno, è una sensazione strana: il respiro accelera e il cuore batte con forza.


Uyuni offre un'immagine inquietante e suggestiva: quando la superficie è asciutta, la salina è una distesa di bianco candido, il più grande vuoto immaginabile: solo il cielo azzurro, il fondo bianco e il visitatore. Quando c'è poca acqua, la superficie riflette perfettamente le nuvole e l'azzurro del cielo dell'altopiano, e l'orizzonte scompare. Guidare attraverso la distesa di sale in quel momento dà l'impressione di volare tra le nuvole.


Pochi posti al mondo sono così disorientanti come questa superficie bianca accecante, dove è immagazzinato il 70% delle riserve di litio del mondo. Quando appoggi la testa per riposare su un letto di sale, all'interno di un hotel costruito interamente con il sale, non puoi fare a meno di sentire un profondo legame con la terra assetata.


3 - Un fiume di cinque colori: Caño Cristales (Colombia)



Tra le Ande e l'Amazzonia ci sono le pianure tropicali della Colombia centrale, con i suoi milioni di capi di bestiame, le sue praterie allagate stagionalmente ... e il fiume più suggestivo del mondo: Caño Cristales.


Il cosiddetto fiume dei cinque colori (per i suoi toni di giallo, blu, verde, rosso e nero) o arcobaleno liquido, nel Parco Naturale Nazionale della Sierra de la Macarena, a Los Llanos, è una delle meraviglie naturali più affascinanti della Colombia e da tutto il Sud America.


Caño Cristales non è proprio un letto di fiume, ma un insieme di fiumi, torrenti e cascate nel cuore di questo parco, che deve la sua magia e il suo cromatismo a un fenomeno biologico unico che dura un paio di mesi (tra luglio e novembre): a endemica eruzione algale produce un brillante mantello sottomarino rosso.


Le acque cristalline del fiume si trasformano in un ruscello color bordeaux, che contrasta con il magico paesaggio lunare di antiche rocce erose dall'acqua del suo letto del fiume e della savana circostante.


Per visitare Caño Cristales bisogna sudare molto camminando tra i canyon che si aprono tra la roccia, anche se con momenti piacevoli indimenticabili, come ricevere un massaggio alle spalle sotto una cascata. Puoi anche fare un safari fotografico in barca sul fiume Guayabero o respirare l'aria della savana camminando verso punti panoramici in alta montagna.


Questa parte della Colombia si è appena aperta dopo anni sotto il controllo delle FARC (Forze armate rivoluzionarie della Colombia), quindi il turismo è ancora un'attività comunitaria su piccola scala. Ma non è una destinazione segreta: i colombiani vengono durante i fine settimana e i ponti e la quota giornaliera di visitatori (180) non è sempre rispettata. Non è visitabile in autonomia, ma è obbligatorio entrare nel parco nazionale con una guida locale ufficiale. Se possibile, si consiglia di visitarlo durante la settimana.


4. Le meravigliose cascate di Iguazú (Brasile e Argentina)


Cascate di Iguazú

Iguazú non è una singola cascata, ma più di 275 cortine d'acqua che scendono nel mezzo della giungla, ai confini meridionali del Brasile e dell'Argentina settentrionale, formando il più grande sistema di cascate del mondo.


L'impressione quando si arriva a queste immense cascate è spettacolare: guardandole dalla sicurezza di una passerella, siamo circondati da enormi getti d'acqua che precipitano su montagne verdi, in un abisso da cui sale solo vapore.


Sul lato brasiliano le cascate sono forse più fotogeniche che sul lato argentino, dove bisogna avvicinarsi all'assordante gola del Diavolo, sicuramente il momento più sorprendente della visita. L'impressione di fissare lo spazio è incredibile: stormi di rondoni fluiscono dentro e fuori dalle cascate mentre i tucani ostentano le loro massicce vette nelle montagne adiacenti.


E una nuvola di nebbia si alza sulla passerella che i visitatori camminano sotto il fragoroso rumore dell'acqua che cade.


È un luogo molto speciale: migliaia di anni prima che fossero scoperte dagli europei, le cascate erano un luogo di sepoltura sacro per le comunità Tupi-Guarani. Lo spagnolo Álvaro Núñez li incontrò nel 1541 e li battezzò come Saltos de Santa María, ma poiché il nome non prese piede, il suo toponimo originale rimase: Iguazú (Grandi Acque). Nel 1986 sono state dichiarate patrimonio dell'umanità dall'Unesco e nel 2011 sono state scelte come una delle nuove sette meraviglie della natura.


Le cascate dell'Iguazù, con 2,7 chilometri di cortine d'acqua, sono tre volte più larghe dei loro cugini nordamericani del Niagara e hanno l'esotismo aggiunto di essere circondate da una giungla piena di giaguari, scimmie e alligatori. Se provi a seguire un pezzo di fiume attraverso le cascate, il visitatore sarà anche stupito dal potere che l'acqua ha per modellare il pianeta Terra.



5 - Sulle orme di Darwin nelle Isole Galapagos (Ecuador)


Isole Galapagos viaggio america latina

Viaggiare alle Galapagos è come viaggiare in un mondo preistorico popolato da una strana fauna che non ha paura degli umani.


Lontane da tutto, sono le stesse isole che ispirarono le teorie scientifiche di Charles Darwin (1809-1882). Darwin visitó le isole nel 1835 , ma ancora oggi questo ecosistema intatto é capace di cambiare la visione del mondo di molti viaggiatori.


Seguire le orme del naturalista inglese e degli strani animali che hanno ispirato la sua teoria dell'evoluzione è una delle avventure essenziali per qualsiasi amante della natura.


Queste 21 isole vulcaniche su entrambi i lati dell'Equatore e 1.000 chilometri al largo della costa del Sud America, conservano uno dei più alti livelli di endemismo del pianeta: circa il 97% dei loro rettili e mammiferi terrestri non si trova in nessun altro posto nel mondo.


Sono un luogo straordinario, un universo alternativo con una strana colonia utopica organizzata da leoni marini e governata dai principi della mutua cooperazione.


Le Galapagos sono ben lungi dall'essere le tipiche isole paradisiache. Non hanno paesaggi tropicali lussureggianti, non è pieno di spiagge idilliache. Sono isole di origine vulcanica (è il secondo arcipelago con la più alta attività vulcanica dopo le Hawaii) in cui in molte zone non c'è nemmeno vegetazione.


I paesaggi sono inospitali, ricoperti di lava e con strane spiagge di sabbia rossa o aridi crateri vulcanici. La loro originalità e bellezza é nella possibilità di osservare una fauna strana: iguane marine letargiche, vecchie tartarughe giganti e sule dai piedi azzurri.


Per i pochi e privilegiati visitatori (c'è una quota fiscale di turisti all'anno), ciò che più colpisce è che gli animali invece di fuggire terrorizzati, restano calmi e non sembrano essere disturbati dalle telecamere o dai loro proprietari.


L'isola più importante dell'arcipelago è Santa Cruz, con il piú grande centro abitato dell'isola, Puerto Ayora, dove si trova gran parte delle infrastrutture turistiche.


Le isole sono un parco nazionale dal 1959 e il turismo organizzato è altamente regolamentato, con un numero limitato di visitatori all'anno per preservare il loro delicato equilibrio biologico.


6 – I guardiani del Pacifico : I Moai dell’Isoal di Pasqua (Cile)



Come naufraghi a guardia dell'orizzonte nel mezzo dell'Oceano Pacifico, i moai dell'isola di Pasqua rimangono un enigma.


Incredibili e sorprendenti, queste immense statue di pietra sono l'immagine più nota di quest'isola cilena, quasi perduta, a circa 4.000 chilometri dal continente americano e altri 4.000 da Tahiti, verso l'interno del Pacifico meridionale. Ci sono 288 statue e sono sparse per l'isola, poste su piattaforme di pietra, come pupazzi colossali in uno scenario soprannaturale.


La questione di come questi giganti siano arrivati ​​dal luogo in cui sono stati scolpiti al luogo che ora occupano rimane senza risposta dopo molti studi e analisi.


Si crede, sì, che rappresentino gli antenati dei clan. Ma cosa ha portato una civiltà isolata a scolpire tali immagini, e come le hanno portate dalle cave dell'interno alle piattaforme cerimoniali sulla costa? E c'è ancora di più: perché furono demolite tutte all'inizio del XIX secolo?


Tutti questi misteri e la lontananza e l'isolamento del territorio dell'Isola di Pasqua (Rapa Nui, per i suoi abitanti), attirano ogni anno migliaia di viaggiatori curiosi, che tornano a casa con più domande che risposte.


A 3.700 chilometri dalla terraferma, l'Isola di Pasqua è uno dei luoghi più isolati della Terra, tanto che guardando l'orizzonte si può vedere come si incurva la terra.


Anche se probabilmente condivide un passato polinesiano con Tahiti e le Hawaii, ha poco a che fare con un paradiso tropicale: è una terra arida, vulcanica, con un po 'di sabbia, tanto sole e onde, ma soprattutto è un museo archeologico del all'aria aperta e i suoi visitatori vengono a guardare negli occhi il moai alto 10 metri e immaginare le storie che potrebbero raccontare.


Ora, l'isola è anche una destinazione per l'ecoturismo, che offre favolosi snorkeling e immersioni subacquee, così come altre opzioni per godersi l'isola, come l'escursionismo sulla costa nord aspra e bella, le passeggiate a passeggiate a cavallo lungo le pendici del vulcano spento Maunga o semplicemente schiacciando un pisolino sotto le palme sulla spiaggia di Anakena. E, naturalmente, guarda il sole sorgere dietro la fila di misteriose statue di Ahu Tongariki.


L'isola è un territorio cileno dal 1888 e tutti i suoi abitanti parlano spagnolo, un grande incentivo per il viaggiatore di lingua castigliana.


7- La misteriosa città perduta di Machu Picchu (Perù)


Machu Picchu


La fantastica cittadella Inca di Machu Picchu, persa dal mondo fino alla sua riscoperta all'inizio del XX secolo, è uno spettacolo da non perdere.


Il complesso stupisce per il suo aspetto e, soprattutto, per la sua posizione, su terrazze color smeraldo circondate da vette e creste andine, che formano uno spettacolo incredibile.


La cittadella stessa è una meraviglia dell'ingegneria che ha resistito a sei secoli di terremoti, invasioni e intemperie.


La vasta cittadella di pietra appare spesso ai visitatori avvolta nella nebbia e circondata da vegetazione e ripide scogliere. La sua immagine fa parte dell'immaginario universale, come le piramidi d'Egitto o la Gioconda, ma è impossibile descrivere l'emozione che si prova quando si arriva sul posto.


È facile capire perché i conquistatori spagnoli non seppero mai della sua esistenza, che rimase quasi nell'oblio fino al 1911, quando lo scoprì l'americano Hiram Bingham.


Parte del fascino di questa cittadella in cima alla montagna sta nel raggiungerla attraverso il percorso utilizzato dai suoi antichi abitanti. Il Cammino Inca attraversa foreste pluviali, attraversa tre alti passi andini e attraversa varie rovine Inca e comunità Quechua di coltivatori di patate e pastori di lama.


Machu Picchu è un complesso di piazze cerimoniali e templi circondati dalla nebbia e ricoperti di vegetazione. Ci sono terrazze (alcune di esse sono nuovamente utilizzate per le colture) che scendono ripide scogliere che si affacciano su una curva a forma di U del fiume Urubamba. E i turisti lottano per l'opportunità di scalare il Wayna Picchu, l'alta montagna che sale dietro le rovine, per contemplare la meravigliosa città in vista del condor.


Nonostante i numerosi turisti che accedono al luogo, Machu Picchu mantiene intatto tutto il suo mistero. Forse non sapremo mai cosa hanno fatto gli Incas qui, ma sarà sempre possibile liberare la tua immaginazione mentre contempli questo capolavoro di un'antica civiltà.


8- Le Cattedrali di Marmo (Cile)



Nel nord della Patagonia si trovano alcune delle meraviglie naturali cilene, come il ghiacciaio di San Rafael, situato nei cosiddetti Northern Ice Fields, e anche una delle formazioni geologiche più insolite del paese: le Cattedrali di Marmo, monumento nazionale cileno.


Si tratta di una serie di sorprendenti formazioni minerali situate sulle rive del Lago General Carrera, nella regione di Aysén, il secondo lago più grande del Sud America.


La cattedrale è in realtà una grotta accanto a un lago turchese, formata dall'azione delle onde sul carbonato di calcio per migliaia di anni.

Si trova in un luogo privilegiato, sulla sponda scoscesa del lago, dove le gelide acque provenienti dai ghiacciai si tingono di una ingannevole tonalità caraibica. Le formazioni sono conosciute come Cattedrale di marmo, Cappella di marmo e Caverne di marmo.


Meno conosciuta di tante altre meraviglie del continente, la cappella è un luogo spettacolare, di incredibile bellezza, che si apprezza ancor di più se ci si avvicina in kayak per prima cosa al mattino, navigando tra le colonne che formano archi che sembrano dacci il benvenuto.


Quando il sole entra nelle grotte, l'acqua forma uno specchio in cui si riflettono le striature della pietra che salgono al soffitto. Un posto difficile da immaginare se non lo provi.


Per raggiungere il bacino lacustre, devi viaggiare per ore lungo l'aspra autostrada Australe, l'unico modo per collegare le comunità isolate della Patagonia settentrionale con il resto del paese.


È un viaggio incredibile quello che raggiunge Puerto Río Tranquilo, un paese di case di legno sulle rive del lago, il punto di partenza più vicino per andare alle grotte, ma anche per andare in altri luoghi come l'imponente ghiacciaio di San Rafael, che si raggiunge attraverso la Exploradores Valley, una strada bella ma accidentata, piena di ghiacciai. Da non perdere il punto panoramico di Glaciar Exploradores.


9 - Una cascata paradisiaca: Angel Falls (Venezuela)



È la cascata più alta del mondo e anche la principale attrazione turistica del Venezuela. Il getto cade dalla cima di Auyante pui, uno dei più grandi tepuis (altipiani e pianeggianti) del paese, da 979 metri. Il salto è 16 volte maggiore delle Cascate del Niagara, con un dislivello ininterrotto di 807 metri.


Per arrivarci, puoi sorvolare il paesaggio surreale dei tepuis fino al Parco Nazionale di Canaima, in Venezuela, e atterrare vicino alle cascate rosa della laguna di Canaima, e continuare un viaggio in canoa di cinque ore attraverso la fitta giungla per il belvedere di Laime, che domina le Angel Falls.


Quando i tuoi occhi finalmente si posano sulle cascate, quello che vedi è un fiume le cui acque toccano il cielo e che hanno scolpito un bel sentiero attraverso la natura giurassica. A due volte l'altezza dell'Empire State Building di New York, domina il paesaggio ed è così spettacolare che è impossibile non vederla. Il fatto che l'Angel Falls cada da un tepui a forma di cuore in un luogo noto come Devil's Canyon non fa che aumentarnee il fascino.


Il suo nome non si riferisce, come ci si potrebbe aspettare, a nessuna creatura celeste, ma al pilota americano Jimmie Angel, che nel 1937 fece atterrare il suo aereo a quattro posti in cima all'Auyantepui, mentre era alla ricerca di oro. I Pemones della zona la chiamavano Parakupá Vené, cioè “cascata dal punto più alto”.


Intorno alle Angel Falls, le valli e le foreste vergini del Parco Nazionale di Canaima ti invitano a continuare l'avventura. La cascata è in mezzo a una natura incontaminata. La città di Canaima, a circa 50 chilometri a nord-ovest, è il suo principale punto di accesso.


La quantità di acqua che cade dalla cascata dipende dalla stagione. Nei mesi asciutti - da gennaio a maggio - può essere piuttosto scarsa, con solo un filo sottile che si trasforma in nebbia prima di raggiungere il fondo. Nei mesi asciutti non è accessibile in barca. Duurante la stagione delle piogge invece, soprattutto nei mesi umidi di agosto e settembre, la cascata è una spettacolare valanga d'acqua che precipita, anche se pioggia e nuvole possono oscurare la vista.


10. Templi Maya nel mezzo della giungla: Tikal (Guatemala)


templi guatemala

I templi Maya di Tikal sorgono, straordinariamente restaurati, in un angolo della giungla di Petén, nel nord del Guatemala.


Stupiscono sia per le loro dimensioni che per la loro complessitá architettonica. Con i suoi templi torreggianti ad angoli quasi impossibili e le sue imponenti piazze, il complesso rappresenta la forza culturale e artistica raggiunta dalla civiltà Maya, che occupò la città per 1.600 anni.


Nelle molte piazze che compongono il complesso archeologico, alberi e liane sono stati rimossi e i templi sono stati scoperti e parzialmente restaurati, ma visitando questi edifici avvolti nella giungla, si ha il piacere di scoprire le ampie strade originali che univano il templi diversi, come se fossimo i primi esploratori a farlo.


Tikal è stato uno dei regni più potenti della civiltà Maya, raggiungendo il suo apice tra gli anni 200 e 900. Costruito in quasi otto secoli, questo complesso è una successione di centinaia di templi, piramidi e stele.


Non c'è modo di vedere tutto in un giorno, ma queste sono le attrattiv da non perder : la Piramide del Mondo Perduto, la Piazza dei Sette Templi, il Tempio IV, il più alto, il Tempio VI e VI, la Piazza Grande o l' Acropoli del Nord.


Passeggiare tra queste reliquie del passato, alcune delle quali si innalzano per più di 40 metri sopra la giungla guatemalteca, ci permette di immaginare come poteva essere la città quando vi vivevano re e nobili.


Salendo su una ripida scala in legno, dall'alto Tempio IV, sul bordo occidentale del recinto, si gode di una vista favolosa. Questo tempio è il secondo edificio precolombiano più alto dell'emisfero occidentale (44 metri).


11. Torres del Paine (Cile)


viaggio cile

I pilastri di granito che formano Torres del Paine si innalzano quasi verticalmente a più di 2.000 metri sopra la steppa della Patagonia nel sud del Cile.


Questo paesaggio è considerato il miglior parco nazionale del Sud America. I visitatori accorrono principalmente attratti dall'immagine irresistibile delle sue formazioni granitiche, ma una volta lì scoprono che ci sono molti altri punti interessanti e meno frequentati: laghi turchesi, sentieri attraverso foreste smeraldine, fiumi attraversati da ponti traballanti e un enorme ghiacciaio di colore blu intenso.


Nel 1978 è stata dichiarata dall'UNESCO Riserva Naturale della Biosfera. Ospita stormi di ñandús, condor delle Ande, fenicotteri e molte altre specie di uccelli.


Non è facile attraversare questa riserva, in cui si dice che le quattro stagioni possono accadere nello stesso giorno. Tuttavia, visitare il mitico circuito W (tra quattro o cinque giorni di cammino) è un rito di passaggio per gli avventurieri. Altri preferiscono il cosiddetto Circuito del Paine (da sette a nove giorni), più solitario, ma con panorami incomparabili e una sfida maggiore.


12- Il ghiacciaio che crolla: Perito Moreno (Argentina)


ghiacciao argentina

Il Perito Moreno, con i suoi 30 chilometri di lunghezza, cinque di larghezza e 60 di altezza, è il ghiacciaio più spettacolare dei campi di ghiaccio che compongono il Parco Nazionale Los Glaciares, nella Patagonia argentina, a sud-ovest della provincia di Santa Cruz , al confine con il Cile.


Inoltre, poiché è relativamente facile da raggiungere, è una tappa essenziale in qualsiasi viaggio nel sud dell'Argentina.


È eccezionale per la sua velocità di movimento, fino a due metri al giorno, un avanzamento lento ma immutabile che travolge chi si avvicina a questo muro di ghiaccio per vedere gli iceberg, a volte delle dimensioni di interi edifici, cadere.


Una rete di passerelle e piattaforme in acciaio permette di avvicinarsi molto a questo insolito spettacolo e attendere che la successiva massa di ghiaccio si rompa e si immerga lentamente nell'acqua, provocando un'onda indimenticabile.


13. Un arcipelago paradisiaco : Los Roques (Venezuela)


viaggio los roques venezuela


A Los Roques, nel Mar dei Caraibi, l'attività principale è quella di andare di isola in isola: sono più di 300 gli isolotti sabbiosi che compongono questo arcipelago venezuelano, circondato da acque color acquamarina, a circa 160 chilometri a nord di Caracas.


È la terza barriera corallina più lunga del mondo, con stupendi punti di immersione come Boca de Cote, Crasqui e Noronquises, dove molti vanno a nuotare tra le tartarughe marine.


Los Roques sono isole per gli amanti delle spiagge deserte, dello snorkeling e delle immersioni, quasi tutte disabitate e accessibili solo con gite di un giorno da Gran Roque, l'isola principale e dove si trova l'unico centro abitato.


L'intero arcipelago, e le acque che lo circondano (per un totale di 2.211 chilometri quadrati), sono stati dichiarati parco nazionale nel 1972 e ospita la più grande barriera corallina dei Caraibi.


E sebbene il girovagare per le isole sia l'attrazione principale, Gran Roque ha anche una spiaggia meravigliosa, occupata da pescherecci e altre imbarcazioni da diporto.


Da lì, i sub d'altura partono per immergersi alla ricerca della sua vita marina ei pescatori riforniscono quasi tutti i ristoranti di pesce fresco e frutti di mare.


Per contemplare i tramonti bisogna salire al faro olandese che culmina sulla collina di Gran Roque.


14. Le magic dei Lençois Maranhenses (Brasile)


viaggio brasile

Un miraggio: questo é quello che ricordano le immense dune di sabbia del Parco Nazionale Lençois Maranhenses, a Maranhao, un'area di 70 chilometri di lunghezza per 25 di larghezza (circa 1.500 chilometri quadrati, tre volte la dimensione del città di Madrid) che sembrano un enorme distesa di lenzuola (Lençois, in portoghese vuol dire proprio questo) stese al sole fino a scomparire all'orizzonte.


A metà strada tra Sao Luis e il confine con il Piauí, il Lençois è un luogo spettacolare e unico, soprattutto da maggio a settembre, quando la pioggia che è filtrata dalla sabbia forma migliaia di stagni e laghi cristallini tra le dune.


Il parco ospita spiagge, mangrovie, lagune e alcuni animali interessanti, in particolare tartarughe e uccelli migratori.


Si consiglia di visitarlo in jeep, in barca (scendendo lungo il fiume Preguiças, nella giungla) o con un'escursione di tre o quattro giorni attraverso i Lençois, dormendo su amache o capanne di pescatori nei pochi, piccoli e poveri villaggi che esistono a proposito.


Le città remote più riconoscibili sono Atins, dove il Preguiças sfocia nell'oceano, e Santo Amaro, all'estremità occidentale del parco, con dune che raggiungono i loro limiti e spiagge fluviali sabbiose dove possiamo fare il bagno.


15. L'occhio che veglia sui Caraibi: il Great Blue Hole (Belize)



L'immagine di questo cerchio blu perfetto, che si vede dal cielo, è una di quelle fotografie viste mille volte su Internet.


Con le sue diverse sfumature bluastre, sembra un occhio vigile in mezzo al mare. Le pareti del Great Blue Hole raggiungono più di 120 metri nelle profondità dell'oceano e, sebbene sia riempito per metà di sedimenti e detriti naturali, la sua profondità mantiene ancora quella perfetta forma circolare.


All'interno, i subacquei sono incoraggiati a scendere nelle misteriose profondità di questa dolina per contemplare le stalattiti e le stalagmiti che pendono dalle pareti, accompagnati da un banco di squali di barriera, pesci martello e molti altri invertebrati e spugne.


La prima immersione è stata effettuata negli anni '70 dall'esploratore francese Jacques Cousteau, che ne ha fatto uno piú famosi posti al mondo per le immersioni subacquee. Da allora, l'immagine del Great Blue Hole, pupilla di un blu scuro intenso che contrasta con le diverse sfumature delle acque turchesi e delle ombre della barriera corallina circostante, è diventata molto popolare, anche se in pochi saprebbero come individuarla su una mappa.


L'unico modo per raggiungere questa inaspettata meraviglia della natura è con una barca privata o una barca per immersioni da Caulker Cay o Ambergris Cay. Le immersioni nel Great Blue Hole sono spesso combinate con altre nel Lighthouse Reef, che sono molto meglio per i subacquei esperti.



Qualche link utile per organizzare il tuo viaggio:

https://www.librisenzafrontiere.com/post/7-libri-per-conoscere-il-sud-america

https://www.viaggio-centrosudamerica.com/

https://it.wikipedia.org/wiki/America_Latina



Fonte : elpais.com


108 visualizzazioni0 commenti

Categorie